E-Commerce World

La formazione del consumatore consapevole

IMG_3770-1024x683
Scritto da Giulia Catone

Buonasera a tutti, mi presento subito, sono Giulia Catone e sono studente qui alla LUISS presso la facoltà di giurisprudenza.

Mi occupo del magazine di Quolit, una rivista digitale che raccoglie sia interviste fatte ai venditori sulla loro storia sia recensioni, scritte da questi ultimi, per promuovere alcuni prodotti.

È un progetto che nasce per la formazione di un consumatore consapevole e per offrire un valido strumento di corretta trasparenza verso i consumatori.

La rivista è un unicum in questo settore, e da buoni giuristi, la nostra fonte d’ispirazione per quest’iniziativa è stato l’art 4 del codice del consumo quando afferma appunto che :”L’educazione dei consumatori e degli utenti è orientata a favorire la consapevolezza dei loro diritti e interessi.”

È questa la finalità del Magazine, rigenerare il rapporto fiduciario tra venditore e acquirente, che caratterizza tutte le transazioni economiche che ciascuno effettua ogni giorno, riportando il ruolo del venditore a presidiare su tutti gli acquisti, anche nell’ambito del commercio elettronico.

Non va infatti dimenticato che, è il commerciante il reale artefice del soddisfacimento di ciascuno per l’acquisto, costituisce ossia quel “quid” di differenza tra l’essere appagati o meno della spesa.

Il problema da analizzare dunque è la totale scomparsa del ruolo determinante del venditore negli acquisti online, infatti quest’ultimo sul web si presenta con un nickname, spesso senza avere neanche un negozio fisico di riferimento.

Noi vogliamo invece che gli utenti che viaggiano sulla nostra piattaforma si interfaccino con soggetti che abbiano un nome e un cognome, e un negozio fisico, che vada a costituire un punto di riferimento.

Per mezzo della nostra attività vorremmo che gli acquirenti conoscano, anche se non di presenza, chi vende con noi, leggendo delle sua storia, dei suoi valori d’impresa, e delle caratteristiche dei suoi prodotti che dovrebbero portarlo ad essere preferito nell’acquisto ad altri commercianti.

D’altronde come mai molte persone diffidano degli acquisti sul web? Per esperienza personale la risoluzione del quesito è pacifica, e si traduce negli innumerevoli dubbi che sorgono poco prima di effettuare il click, che autorizza il pagamento: “ma arriverà?” “arriverà esattamente ciò che voglio?” “ arriverà in tempo?” “ mi posso fidare?”

Inevitabilmente acquistare da un soggetto ben definito, con un negozio fisico, e di cui si conosce la storia, non risolve tutti gli interrogativi posti, ma sicuramente rassicura sotto tanti profili: è più ragionevole fidarsi di un soggetto che abbiamo avuto modo per quanto possibile di conoscere, piuttosto che fidarsi di un perfetto estraneo, a cui non siamo in grado di attribuire un volto.

Il nostro obiettivo è quello di instillare una percentuale di fiducia nell’acquirente, il quale anche sul web deve sempre godere del diritto di sapere cosa compra e da chi lo compra, restituendogli la libertà di scegliere tra un prodotto ed un altro.

Inoltre anche gli stessi venditori hanno la possibilità di pubblicare delle recensioni su un prodotto di particolare pregio o particolarmente conveniente cercando anche sul web di dispensare quei consigli che di solito vengono riservati ai clienti più affezionati.

Durante le prime interviste che ho portato a termine, mi sono resa conto di come anche gli stessi commercianti abbiano compreso come questa conoscenza dell’utente sia essenziale e funzionale per gli stessi acquisti, sanno infatti che, come scriveva Lena Kellog Sadler, “La fiducia è la sola cura conosciuta per la paura.”

In conclusione, il Magazine è la nostra iniziativa per abbattere la diffidenza degli utenti nei confronti degli acquisti online, permettendo loro di sapere sempre cosa comprano e da chi lo comprano, essendo consapevoli ed educati a conoscere un loro diritto fondamentale: la libertà di scelta.

Biografia

Giulia Catone

Nata a Penne nel ’94, ho frequentato il liceo classico Gabriele D’Annunzio di Pescara e ho conseguito la maturità presso l’istituto Villa Flaminia di Roma. Attualmente sono iscritta al ciclo di studi di giurisprudenza presso la LUISS Guido Carli di Roma. Ho sempre avuto l’aspirazione di diventare avvocato e per questo coltivo con passione gli studi giuridici. Sono entrata a far parte di Quolit in quanto l’iniziativa del magazine costituisce un unicum nel settore del commercio elettronico e ritengo sia uno strumento di estrema trasparenza nei confronti dei consumatori. Grazie al mio impegno, infatti, gli acquirenti su Quolit avranno il privilegio di conoscere tutte le informazioni più utili riguardo ciò che stanno acquistando.

Scrivi un Commento